Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo [Übers.]
I Dieci Libri Di Architettura — Rom, 1784

Seite: 368
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1784/0394
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
3(58

DELL' ARCHITETTURA

D 1

LEON BATISTA ALBERTI.
LIBRO OTTAVO

DEGLI EDIF1CJ PROFANI

CAPO I.

Dell' ornamento delle vie màilirè dentro o fuori della citta, e
dove fi abhìano a [atterrare o abbruciare i 'corpi morti.

N altro luogo abbiamo detto , che gli adornamenti che si
applicano alle opere giovano grandissimamente all' architet-
tura, ed è assai manifesto, che i medesimi adornamenti non
flanno bene in tutti gli edisicj . Imperciocché si dee usare
ogni arte, ogni induitria ed ogni fatica in fare che le opere sa-
gre, e massime le pubbliche sieno ornatissìme, come quelle che
si fanno per gli di; , dove che le secolari non si fanno te non per
gli uomini. Le cose men degne adunque debbono cedere alle più
degne, benché esse ancora si adorneranno delle loro parti e de'lo-
ro adornamenti. Avendo pertanto nel passatq libro insegnato co-
me abbiano ad esser fatti gli edisicj sagri pubblici , e con chej
maniera, ora ci refla a trattare degli edisicj secolari . Andremo
lpiegando adunque quali adornamenti si debbano assegnare a qua-
lunque di loro . Primieramente io penso che la strada sia cosaj
pubblica, poiché essa è ordinata pet cagione de' cittadini, e per

corno-
loading ...