Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo [Übers.]
I Dieci Libri Di Architettura — Rom, 1784

Seite: 369
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1784/0395
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
DEGLI EDIFICI PROFANI 3<sP

■< ' "■

comodità ancora de' forestieri. Ma perchè de' viandanti ve ne so-
no alcuni che vanno per terra, ed alcuni che si fanno portaro
per acqua, tratteremo perciò di amendue . Vorrei che tu ti ri-
cordarli che altrove ti dissì, che delle strade alcune sono maestre
ed alcune nò, ed inoltre che altrimenti avea ad essere la strada
nella città, ed altrimenti nella campagna. La strada maeslra nel-
la campagna riceverà grandissimo ornamento da essa campagna ,
nella quale & troverà, cioè sé detta campagna sarà coltivata, se-
minata, piena di villaggi e di abitazioni, e sé sarà abbondante di
molte vedute piacevoli, come sé vi si vedrà ora il mare, ora un
monte, ora un fiume , ora un fonte, ora un terreno arido ed una
rupe, ora una pianura, oraunbosco, ora una valle. Non saràpic-
colo adornamento sé essa non sarà alla china, o difficile al salir-
la, o sporca, ma per dir cosi, sé sarà vaga, piana, spaziosa e
aperta dappertutto . Che non fecero gli antichi per ottenere que-
ste tali cose ? Io non stó a raccontare che essì lastricarono strade
di cento miglia con pietre durissìme, alzandovi sotto un piano di
grandillime pietre . Lastricarono la via Appia da Roma sino jj
Brindili. Veggonsi in molti luoghi per tutte le strade maestre ru-
pi di pietra tagliate, monti sghembati , colline forate, valli ri-
piene con incredibile spesa ; le quali cose certo son tutte e utili
ed onorevoli. Oltre di quello arrecheranno ornamento grandisti-
mo, sé vi saranno cose che a' viandanti, che per esse paneran-
no , porgano occasione di discorsi , e massìme di cose degne .
Un amico o compagno che sappia ragionare di assai cose, dice-
va Laberio, serve quali per una lettiga in un viaggio ; e certa-
mente che col ragionare si scetna assai il fastidio, che l'uomo ha
nel cavalcare. Per la qual cosa avendo io sempre molto riverita
la prudenza de' nostri maggiori in tutti gli altri loro regolamen-
ti, li lodo ancora grandemente, per aver trovato quel che nói
diremo aderto (ancorché l'intenzion loro avesse la mira a cosej
di molto maggior importanza ) cioè il dilettare i viandanti.

D d d a Or-
loading ...