Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo [Übers.]
I Dieci Libri Di Architettura — Rom, 1784

Seite: 385
DOI Seite: Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1784/0411
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen Nutzung / Bestellung
0.5
1 cm
facsimile
DEGLI E'DIFIC] PROFANI 385

Ercole il forti nato dal gran Giova,
Abita in queft albergo, or %' allontani
Quindi ciò che giammai nuocer ne poffa.
Ce ne rise , e persuase loro, che piuttosto vi dovettero scrivere.
Qui abita la povertà, perchè quella molto più prontamente e pili
gagliardamente che Ercole manderebbe a terra qual si sia sorte di
inoltro .
Gli epitaffi saranno , 0 semplicemente scritti, i quali chia-
mavano già epigrammi, o veramente decorati con statue ed im-
magini . Platone tisava' dire, che ne' sepolcri non dovrebbero es-
fervi più che quattro versi . Vi fu Umilmente chi disse .
Scrìvi il mio Cafo in mezzo alla colonna
Ma breve sì, che in traf affando leggafi.
E veramente una troppa lunghezza, massime in questi cali è cosa
odiosa, e sé pure sarà alquanto lunghetto , bisogna che tale epi-
tasfio Ila del tutto elegante, e che abbia in sé un certo che daj
muovere a compassione, e sia sì grazioso, che tu non ti abbia.»
a dolere di averlo letto, e che ti piaccia d'impararlo a mente >
e di recitarlo spesso. Lodali quello di Óutenea,
S1 alma per alma compenfar la/ciajjb
Il crudo sato , 0 si poteffe vìvo
Tornare altrui colla firn propria morte-.
Ogni tempo prefcrìtto al vìver mio
i Per te, cara Ontenea, lieto darei ;
Mai poiché ciò non poffo, il fole, e i dei
Verrò suggendo per feguìrti lajjo
Con affrettata morte ai Regni ffìgj .
ed altrove
Guardate 0 cittadìn V immago e V urna .
:. D'Ennio , del vo/lro vecchio , che cantando
Scrisse de' voslri antichi i fatti egregi.
Tfleffun col pianto la mia morte onori,
Fff s 0 mi
loading ...