Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo [Übers.]
I Dieci Libri Di Architettura — Rom, 1784

Seite: 406
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1784/0432
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
4o(> LIBRO OTTAVO

vano la favola, non 1' avrebbero desiderato molto maggiore". Il
piano di esso palco veniva sino al centro del mezzo cerchio, e
si alzava da terra non più che cinque piedi, acciocché i senatori
che sedevano nella platea potettero di su quel piano discernerc
bene tutti i gesti degl' istrioni e degli altri. Ma quando i senato-
ri non potevano così stare nella platea del mezzo, avendo essa a
servire agi' istrioni e a' rausici, il palco della scena si facea mi-
nore , rilevandolo alcuna volta da terra il più alto sei cubili, e
si adornava quella parte con due colonnati e due impalcaturo
l'una sopra l'altra, secondo la natura delle case che si aveano a di-
segnare. Vi erano porte e sinefire in luoghi accomodati, e nel
mezzo vi era una porta principale con adornamenti umili a quelli
de' teinpj, qnasì come di un palazzo regio, ed accanto a quella
vi erano altre case e porte, per le quali gì' istrioni potessero en-
trare ed risare', fecondo che gli atti delia comedia richiedevano.
Esercitandosi poi nel teatro tre sorti ;di poeti ; il tragico da cui
si recitano le miserie e le infelicità de' tiranni ; il comico dio
rappresenta le facende e gli affari de' padri di famiglia -, e il
satirico da cui le piacevolezze della villa e i pastorali amori st
dimostrano ; vi era perciò una macchina, la quale volgendosi so-
pra, un perno, mostrava in un istante agli spettatori una facciata
talmente dipinta, che sembrava ora una scena regia da tragici,
èra una scena di case ordinarie da comici , ed ora una selva per
i satirici, secondo che ricercava la qualità della favola che si do-
vea recitare.

In quello modo adunque era fatta la platea , i gradi e i pal-
chi degl'istrioni e degli altri. Io ho detto che una delle princi-
pali parti del teatro era un portico trovato per ritenere , e per
far apparire le voci e i suoni maggiori, e che elso era pollo so-
pra gli ultimi gradi da sedere, e che coi vani tra colonna e co-
lonna guardava la platea del mezzo nel teatro ; di quello adun-
que si ha a trattare. Aveano gli antichi inteso da' silosoh", elio

s aria
loading ...