Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo [Übers.]
I Dieci Libri Di Architettura — Rom, 1784

Seite: 407
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1784/0433
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
DE,GLI EDIFICJ PROFANI

l'aria per: la1 ripercussìone della voce e per il ribàttimento :del
suono si muovea circolarmente , non altrimenti che si faccia T ac-
qua* quando in un subito esce fuor di essa alcuna cosa a galla; e
conoscevano che siccome in una lira , e come fra due valli, quan-
do massimamente esse sono:piene di boscaglie , la voce e il Tuo-
no diventano molto più. sonori e più chiari , allorché i gonsiati
vortici dell'aria, per dir così., ripereossi incontrano qualche co-
sa che fermi e rimandi indietro i raggi della voce, useiti dal cen-
tro a guisa di una palla ribattuta dal muro , col qual ribattimen-
tp. divengon quei cerch; più spesiì e più gagliardi. Per quella ca-
gione giudicarono quei primi antichi, che fosse bene fare i teatri
in cerchio; ed acciocché la .voce non avesse oslacolo alcuno che
T impedisse dal potere andar subito liberamente a ferire ne'più al-
ti luoghi del teatro , collocarono i gradi di maniera, che tutti i
canti battessero su di una medesima linea, e sopra 1' ultimo luogo
de' gradi, acciocché molto giovarle , vi collocarono un. portico ,
volto , come io dissi, verso la piazza che era in mezzo del teatro .
ì vani di quello portico dalla parte di dentro volevano che fossero
liberi e spediti quanto più si poteva, ma dalla parte di dietro di
esio portico , volevano che incontro a'vani del colonnato fosie ti-
rato un muro che lo turasse bene dappertutto . Oltre di quello
sotto le colonne muravano quali una sponda che servisse per pie-
distallo alle colonne , dove si raduuassero i gonsiati cerchj delle
voci, le quali ricevute dolcissimamente in esli portici dall' aria as-
sai quivi condensata, non fossero percuotendovi in pieno ribattu-
te da quella intere , ma piuttosto rattenutevi e raffermate. Vi ag-
giugnevano oltre di quello per difenderli dal sole, e per rispetto
.ancora della voce, per cielo del teatro una tenda polliccia , la
quale dipinta a (Ielle, e diflesa su in alto con canapi, cuopriva
coli' ombra sua la platea di mezzo , i gradi e gli spettatori. Que-
llo Siffatto portico era certo molto artisicioso ,.. poiché per reggere
quello solo portico, si faceano sotto di esso altri colonnati,. altri

I i i por-
loading ...