Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo [Übers.]
I Dieci Libri Di Architettura — Rom, 1784

Seite: 416
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1784/0442
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
4X°

L T"B" R O OT.TAVÓ^

feti da'venti di fuori, i quali ricévevano dallo (coperto.del cos-
tile il sole di mattina , e quello dopo mezzo giorno. I diser
gni di siffatti gradi erano di varie- sorti .perciocché alcuni sé ne
faceano a mezzo cerchio , alcuni con linee diritte , amendue cor-
lispondenti: al cortile ed ai pohici con proporzione determinata.
La. larghezza di tutta .quest'opera era per la metà della sua lun-
ghezza', la quale larghezza si divideva.in otto parti , sei dello
quali sé né asségnavano al cortile seoperto , ed una per uno 3->
ciaseuno de' portici. Ma dove faceano i gradi da sedere in mez-
zo cerchio.',' il. loro diametro pigliava, allora i due quinti del cori
tile ; ediil'mura di dietro del portico si facea aperto con alcune
entrate,da potervi pattare per andareia sedere . V altezza del mez-
zo cerchio di quelli: gradi da sedere,, nelle fabbriche grandi era
quanto la sua larghezza, e nelle minori per una larghezza e un
quarto..: Sopra iltetto del iportico -incontro, al mezzocerchio, e
ai gradi da sedere, si aprivano in alto. finestre , per le quali en-
trava ii sole, ed il lume molto gagliardo nel mezzo cerchio . Ma
sé i gradì si faceano quadrati , allora si faceano il doppio più
larghi che il portico'; e la loro lunghézza era per due delle sue.
larghezze . Io chiamo in quello- luogo lunghezza, quella che vi
giù per il lungo del portico, dimodocchè a coloro che entrano
da man destra in quelli gradi, verrà la lunghezza di quelli gradi
a ilare alla sinistra , e a quelli che v'entrano da sinistra verrà aj
ilare, alla destra. .-■ non >b

.. .Frale opere pubbliche ancora s'intende il portico de'liti-
ganti e;de'giudici minori,: il qiuale faceano in questo modo. La
sua grandezza era secondo la dignità della città e del luogo,, ed:
eranvi giù per i portici àanefflè per ordine alcune camere, nelle
quali si dava fine alle liti minori, secondo-il. parere di .quei che-
vi (lavano dentro . Quelli edisicj, che io ho deserita sin qui, pa--
re1 che sieno veramente i< pubblici ; poiché e k plebe,, e- i sena-
to» insieme lioei-amente vi si potevano ritrovare ed intervenire-,
. Ma
loading ...