Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo [Übers.]
I Dieci Libri Di Architettura — Rom, 1784

Seite: 422
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1784/0448
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile


JLIBRO OTTAVO

blica. Certamente per quanto io ho potuto comprendere desso è
un edificio che partecipa dell' una e dell' altra qualità; poiché vi
sono molte cose cavate dal disegno delle cose pubbliche, e mol-
te ancora dal disegno delle cofe private . V edificio delle flufe
avendo bisogno di grande spazio di .terreno per il sno sito , non
è bene farlo ne'luoghi principali e più srequentati della città .

"M*^^ Ma neppure vorrebbe esser troppo fuori di mano, poiché quivi
tav. concorrono i senatori e le matrone a lavarli e a nettarli . Fan-

XXXIV. 1]0sj attorno attorno .alle flufe piazze , le quali sono cerchiate di
mura non basse , né si può entrare in dette piazze , sé non da_>
certi determinati luoghi, Nel mezzo delle flufe quasì come cen-
tro dell'edificip si fa un salone grandissimo e magnisico colle yol-
te, ,e col disegno del tempio, che noi chiamammo Toscano. In
quello salone lì entra da un certo andito principale , la facciata^
del quale guarda verso mezzodì, d' maniera che coloro che en-
trano per l'andito guardano verso settentrione. Da quello andito
principale grandissìrao lì va in un altro andito più stretto per en-
trare in quel salone grandilsimo , Quello salone verso settentrio-
ne ha una larga uscita aperta sopra una gran piazza scoperta, dal-
ia delira e dalla sinistra della qual piazza vi è un larghissimo spa-
•zioso portico , dietro al quale vi sono le flufe fredde da lavarli.
Ritorniamo un'altra volta dentro al salone principale. Nel-
la facciata delira di quello salone verso oriente li dilìende un an-
dito molto spazioso e largo in volta , con tre camerette da ambi i
lati che lì corrispondono le une alle altre . Da quell'andito di-
poi si entra in una piazza fcoperta, la quale io chiamo Si/io cir-
condala intorno di portici. Di quelli portici quello che moslraj
la sua faccia, ed è aperto verso l'andito, ha di dietro a sé luo-
ghi da sedere assai capaci . In quel portico poi che riceve il
sole da mezzodì, vi sono ancora le stufe e luoghi freddi da lar
varsi , come dicemmo annerii ed aggiunti ai portici di quella_>
gran piazza scoperta s e vi sono ancora alcuni spogliato; : Ma

r al-
loading ...