Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo [Übers.]
I Dieci Libri Di Architettura — Rom, 1784

Seite: 423
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1784/0449
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
DEGLI EDTFICJ PROFANI 4:j

1' altro portico incontro a queflo appunto ha dietro a sé le sttife
.tiepide, le quali ricevono i soli e i lumi da mezzo giorno. So-
novi ancora in luoghi accomodati nelle cantonate del Si/lo per
■entrate, alcuni anditi minori per i quali si può uscire in quello
' -piazze grandi che cerchiano intorno intorno le dufe . Tale e As-
fatto era 1' ordine delle cose che si diflendeva dal deliro lato del
-salene , e limili a quelle si hanno a fare le cofe dall' altro lato sì-
.nistro verso occidente .Vi sarà adunque anche qui il tuo audito
con quelle tre camerette, ed oltre a.quello quella piazza seoper-
ta coi portici, coi luoghi da sedere e cogli anditi minori nello
cantonate del Sì/lo.

Io ritorno un'altra volta a queir andito principale di tutto
l'edificio, il quale dicemmo che era verso. mezzodì. Verso laj
delira di elso su per la linea, che va verso oriente, vi sonò tre
danze l'una dopo l'altra, e dalla fìnislra ancora su per la lineai
che va verso occidente, ve ne sono tre altre, acciocché quelle
servano per le donne, e quelle per gli uomini . Nelle primo
danze adunque si spogliavano, nelle seconde si ungevano, e nel-
le terze si lavavano, ed alcuni per più magnisicenza vi fecero la
quarta danza dove avellerò a Ilare vediti i compagni e i servi di
chi si lavava, ad allettarli. In quede danze da dufarfì entravaj
il sole per grandillìme fìnedre volte a mezzogiorno . Tra quede
danze e quelle di dentro ; che noi dicemmo che erano attaccate
alle mura degli anditi di dentro, i quali andavano dal salene sino
alla piazza coi portici', che noi chiamammo Si/lo , si Iasciava uno
spazio seoperto, .dal'quale i Iati verso mezzodì delle danze di den-
tro , che sono congiunte col salone , ricevesiero i lumi. Cerchia-
vano tutta questa macchina , come io ti dissì, molte spaziose piaz-
ze tanto grandi che fodero ancora badanti a' giuochi della cor-
sa . Né vi mancavano in luoghi opportuni mete e termini , cho
fodero attorniate nel correre'dai giuocatori . Nella piazza verso
mezzodì, che serviva come un vedibolo a qued'edisicio , si facea

Lll un
loading ...