Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo [Übers.]
I Dieci Libri Di Architettura — Rom, 1784

Seite: 427
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1784/0453
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
DEGLI-EDIFICJ - P R I VA T I #-,

vicino a Monte cavallo , tm' altissima casa, la dissece per schiva-
re e fuggire 1- invidia, e la fabbricò giù nel piano. Così quella
buona antica gente andò seguitando quella modestia e in pubbli-
co , ed in privato, sino a tanto che durarono quelli buoni e sem-
pliGt cossumi.

Ma accresciuto dipoi l'impero , crebbe tanto nella maggio!
parte degli nomini queft' appetito insaziabile di fabbricare ( ec-
cetto che in Ottaviano , a cui parea tanto grave l'edisicare son-
tuosamente , che egli disfece una casa in villa perchè fatta con-*
troppa sontuosità ) , tanto, dico, crebbe quello ssrabocchevole
appetito nella città , che vi furono alcuni nella famiglia de' Gor-
diani fra gli altri, che per la via che va a Palestrina fabbrica-
rono una casa con 200, colonne di una medesima grossezza ej
grandezza in un silo , cinquanta delle quali erano-' Numidiche,
cinquanta Claudiane, cinquanta Semiadi, e cinquanta Tistee , se-
condo che io mi ricordo di aver letto . Racconta Lucrezio, che
per le case si- trovavano slatue di giovani d' oro, che nella man_»
delira tenevano torce aecese per far lume alle cene . Accenno io
quelle cose , per confermare quel che dissi poco fa , cioè , cho
le cose si deggiono moderare secondo la propria dignità, e sé fu
farai a mie- modo , farai piuttoslo , e maffime negli edisic; pri-
vati , che gli uomini più splendidi vi desiderino per adornamento
alcune cose di più , di quel che gli uomini moderati e comporli
vi riprendano in verun conto la troppa sontuosità.

Ma poi che tutti vogliamo lasciare presso de" portai famaj
di savj e di potenti, per quello ancor io dirò, come diceva Tu-
cidide : fabbrichiam pure sóiituosissìmam-ente per dimoslrare a' po-
rtai la grandezza nostra-. J3d anche allora quando più per ono-
rare la patria e la casata nostra, che per delicatezza adorneremo
le noflre case, chi farà che non dica che sacciam cosa da uomo
dabbene ? Né sarà maraviglia che mi piaccia colui, che vorrà che
quelle parti della casa malìimamente che hanno a Ilare in pub-
blico ,
loading ...