Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo [Übers.]
I Dieci Libri Di Architettura — Rom, 1784

Seite: 438
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1784/0464
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
4SS LIBRO NONO

dal piano del mattonato , che quattro noni di tutta l'altezza, né
meno di due. V altezza del vano della fineflra sarà un quadro e
mezzo . - Cosi dunque si faranno le fineflre che avranno ad edere
più lunghe che larghe . Ma sé la sinessra sarà più larga che al-
ta , allora di tutta .la lunghezza del muro di dentro non ass'egne-
rai al vano del lume della fineflra meno che la metà , né più
dei due. terzi. La siia altezza rifarà ancora nel medesitiio modo,

0 per la metà della larghezza, .0 per i due terzi, ma vi si met-
teranno due colonne per reggere di sopra 1' architrave. Che sé si
avranno a collocare fineflre in un muro lungo , ve sé ne faran-
no più, e in numero dispari . Io veggo che gli antichi lodarono
assai in quello il numero ternario, e fecero in queflo modo. Tutta la
kngissima linea del muro divisero in sette parti al più, o in cinque
almeno , delle quali ne pigliarono tre , e in esse distrihuirono una
fineflra per una . All' altezza del vano diedero un' intera larghez-
za e tre quarti,. o una larghezza e quattro quinti . Che sé pure
bisognassero più sineflre, essendo allora un tal lavoro della natura
de' portici s piglierannosi le misure de' vani da' detti portici , e
maiììme da quei de' teatri, • secondo che dicemmo a' luoghi loro.

1 vani delle porteli facciano come di quelle, che noi dicemmo
appartenerli alle stanze del .consiglio ed alle curie . Adornerai le
.fineflre di opera corintia ; la porta principale la farai di lavoro
jonico ; le porte delle sale e delle camere di lavoro dorico ; e
quelle cole per quanto fa di bisogno ai disegno , sieno abbastanza.

CAPO
loading ...