Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo [Übers.]
I Dieci Libri Di Architettura — Rom, 1784

Seite: 462
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1784/0488
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
4S1 L I B R O NONO

ce ' , ..... ss»

tanto sottili che esse non si reggano per sostenere il tetto, o più
grosse che il bisogno per reggerli e star ferme . Se i tetti conten-
deranno, per dir così, colle loro grondaie 1'uno coli'altro; sé
dette grondaje gireranno l'impeto delle loro acque nelle rnura_>
o nelle entrate; sé tu porrai muraglie troppo basse o troppo al-
te; sé i vani e le sinestre riceveranno venti malsani, xguazze mó-
Icste o soli importuni ; o per lo contrario, sé saranno tanto {fet-
te che inducano troppa odiosa oscurità ; sé non si sarà avuto ri-
guardo agli ossami delle mura ; sé 1' entrate saranno da cosa al-
cuna impedite; sé mosferanno cose brutte e sporche, e simili al-
tre cose, le quali ne'passati libri spiegammo .

Ma i difetti che innanzi a tutti gli altri bisogna avere in_j
odio per conto degli adornamenti son simili a quei che si mostre-
rebbero nelle opere della natura, sé si vederle in essa per avven-
tura cosa alcuna posta al contrario o a rovescio,o di meno,o di trop-
po , o che per conto alcuno avesse mala forma. Imperciocché sé
quello è imputato a mancamento nelle cose della natura , ed è
tenuta per cosa mostruosa, che si.dirà di un architetto che si siaj
servifco delle parti delle cose inconvenientemente ? Che sé le par-
ti che si usano nelle forme sono linee, angoli, eftensioni e simili,
dicono adunque bene coloro, i quali affermano che non si trova
difetto alcuno più brutto, né più detestabile , che il meschiare
insieme o angoli, o linee, o supersicie che non sieno e di nume-
ro, e di grandezza, e di sito simili 1'una all'altra, eguali e con-
giunte insieme con diligenza ed accuratezza grandisfìma . Chi sa-
rà quello che non biasimi grandemente colui, che dove non siaj
slato forzato da alcuna necessità abbia tirato mura in qua ed in là
simili ad un lombrico senza ordine alcuno-, ed inconsideratamen-
sè ; ed alcune più lunghe ed alcune più corte con angoli disugua-
li , e con congiugnimento senza forma che buona sia, ' e mamme
in una pianta , che ti si mostri da un Iato troppo ottusa , e dall'al-
tro troppo appuntata, con regola confusa, con ordine tramutato ,
e con consiglio non preveduto , né ponderato. Sarà
loading ...