Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo [Übers.]
I Dieci Libri Di Architettura — Rom, 1784

Seite: 467
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1784/0493
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
DEGLI EDIFICJ PRIVATI 4S7

^ I —**—°*BÉjgagjagSSSjj»

cipali, le mediocri ne' luoghi meno principali, e quelle di mi-
nor stima ne' luoghi più vili. Guardili grandemente di non con-
giugnere insieme alle cole eccellentissime le molto srivole, né al-
le grandissime le molto piccole, né alle più corte e più tiretto
le molto larghe ed altissime ; ma quelle cose che sra loro saran-
no disuguali di dignità , e non limili di genere si eguagleranno
cols arte e coli' ingegno , e con dare ad esse una forma conve-
niente , acciocché essendovene alcune che per sé hanno del gra-
ve e del grande, ed alcune altre del piacevole e del giocondo , si
assetti 1' ordine e la regola di tutte , di maniera che non (blamen-
te facciano a gara per adornare la tua fabbrica, ma che pajaj -
che quelle non pollano Mare senza quelle, e che quelle non polla-
no mantenere abbastanza la .loro dignità senza quelle. Gioverà an-
cora che in certi luoghi si mescolino alcune cose alquanto più neglet-
te j acciocché lo splendore delle più nobili dalla comparazione
di quelle divenga più chiaro e più noto.

Ma soprattutto guardili di non pervertire gli ordini de' dise-
gni, il che avverrebbe sé alle cose corintie lì meschiailero le do-
riche , come io dilli, o sé colle doriche si meschiassero le joniche
e limili. A qualunque ordine ancora (ì assegneranno le sue mem-
bra, acciò non vi iì semini cosa alcuna interrottamente e con confu-
fìone, ma che ciascuna slia al suo luogo determinato e conveniente.
Le cose del mezzo si mettano nel mezzo, e quelle che egualmen-
te saranno lontane da' mezzi iì bilancino del pari. Tutte le cose
finalmente saranno misurate, ordite ed applicate, e con linee, e
con angoli guidate, congiunte e collegate insieme non a caso, ma
con certo ordine determinato ; e dimoltrerannosi tali che, e dove so-
no le cornici, e dove non sono , e per tutta la facciata di fuori,
e per tutta quella di dentro della sabbrica corra libero e volontie-
ri io sguardo degli uomini, moltiplicando il piacere col piacerò
per le cose limili e per le dissimili, e che a coloro che le guar-
dano non paja di averle tanto guardate e riguardate , né eiiérsi

tanto
loading ...