Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo [Übers.]
I Dieci Libri Di Architettura — Rom, 1784

Seite: 470
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1784/0496
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
^0 -" ■ L 1 B R' D' NO' N O

fezione, è officio non tanto di un architetto , quanto di un mu-
ratore . Ma 1'aver preveduto e deliberato còlla mente e col giu-
dizio quel che per ogni conto debba esser perfèttamente sinito e
terminato, si appartiene iblo a queir ingegno che noi ricer-
chiamo . ;

Coir ingegno adunque l'architetto inventi; coli' esperienztj
conosca ; col giudizio scelga ; col consiglio componga, e coll'ar-
te poi rechi a fine quel che si mette a fare . Il fondamento di
tutte queste cose, credo che sia la prudenza ed un maturo con-
siglio; poiché le altre virtù, come l'umanità, la benignità , la
modessia e la bontà, non le derìderò più in un architetto , chej
io mi faccia negli altri uomini, dediti a qualsivoglia maniera di
arti, essendo queste cose, che chi non le ha, non credo io, non
che altro , che sia neppure da reputare per uomo. Ma soprattut-
to bisogna che l'architetto schivi la leggerezza, l'ostinazione ,
la boria , l'intemperanza , e sé alcune altre cose vi sono chej
pretto de'cittadini gli portano diminuire la buona grazialo ac-
crescergli 1' odio . Ultimamente vorrei che si portarle come fan-
no coloro, che danno opera allo Audio dèlie buone lettere, fra
i quali non vi è chi pensi di avere ssudiato tanto che bassi, se_>
non avrà letto e veduto tutti gli autori, anche non buoni, i qua-
li trattino, o abbiano scritto alcuna cosa di quella facoltà, nella
quale ei si esercita . Così 1' architetto considererà diligentisiìma-
mente tutti gli edisici, che comunemente saranno lodati ed ap-
provati dagli uomini, disegneralli con linee e numeri , faranno
modelli ed esempj, li terrà pretto di sé, e procurerà di esami-
nare e conoscere l'ordine., i luoghi, i generi e i numeri di cia-
scuna delle cose, delle quali coloro si saranno serviti, e massime
quei che avran fatto cose grandi ed eccellenti , e che si può
congetturare che fossero uonìini egregj, essendo flati direttori di
sì grandi spese . Né sarà motto da una gran macchina di fab-
brica , talmentecchè in quella fermi I' animo suo . Ma ìoj
loading ...