Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo [Übers.]
I Dieci Libri Di Architettura — Rom, 1784

Seite: 485
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1784/0511
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
D E' R I M E D J DEGLI EDIFICI

bisogni. Dall' acqua adunque cominceremo, servendocene noi co-
me dicono , e saiii e infermi. I Massageti, aperto in molti luo-
ghi il fiume Arago , fecero la regione acquidosa . A Babilonia,
perchè essa era edisicata in luogo arido, furono condotti e il Ti-
gre e l'Eufrate. Semiramide introdusse nella città Ebbatana un_,
acquedotto , forando un alto monte per stad; 25 con una fotta
larga quindici piedi . Il Re Arabo dal siume Coro idi Arabia sino
a quei luoghi deserti ed aridi, dove assettava Cambise, purché
vogliam credere ogni cosa ad Erodoto, condusse l'acqua, aven-
do fatto un condotto di pelli di tori. Pressb a'Samj, fra le opere
rare, era per maravigliosa tenuta una rasia lunga settanta stadj ti-
rata per un monte alto cento cinquanta cubiti . Maravigliavano
ancora di un condotto, fatto da Megaro , che era alto venti pie-
di , mediante il quale si conduceva 1' acqua nella città . Ma aj
mio giudizio la città di Roma superò di gran lunga tutti costoro
e nella grandezza delle fabbriche, e nell'artisicio del condurre
le acque , e nella gran copia delle acque medesime condotto
dentro .

Ma non sempre saranno apparecchiati o fonti, o fiumi, da'qua-
li tu polli cavare le acque. Alessàndro per poter aver dell' acqua
per T armata lungo di mare ed il lido Persico , fece cavare dei
pozzi . Dice Appiano che Annibale quando trovava'!! stretto da_>
Scipione nella città di Cilla in mezzo alla campagna, per non es-
servi acqua provvide alla necessltà de' soldati con farvi fare de* poz-
zi . Aggiugnivi ancora che ogn' acqua che tu trovi non è buona, né*
comoda a' bisogni degli uomini ; perciocché oltre che alcune so-
no calde ed alcune fredde , e che. alcune sono dolci , alcu-
ne aspre, alcune amare, alcune purissime, alcune fangose ,.vi-
scose, ontuose, ed alcune tengono di pece, ed alcune che fan-
no le cose che tu vi metti dentro , come sallì , ed, alcune che
scaturiscono parte chiare e parte torbide , ed in alcuni luoghi nel
medesimo.fonte sono.qui dolci, e qui salle ed amare; vi sono an-
cora
loading ...