Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo [Übers.]
I Dieci Libri Di Architettura — Rom, 1784

Seite: 501
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1784/0527
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
DE' RIMEDI DEGLI EDIFICJ

primieramente quella che fosse volta a settentrione , o ehe guar-
dasse verso il levare del sole nell'equinozio, e tenevano che Iaj
più cattiva fosse quella , che guarda verso mezzo giorno ; e le
più vicine alle migliori, quelle che sono rivolte verso il levante
d'inverno, non biasimando neppure del tutto quelle, che sono
verso occidente . Quel luogo che suol essere molto umido di mol-
ta e leggiera ruggiada, suol prestare acque soavidìme ; perchè la
ruggiada non cade sé non in luoghi quieti, puri e di aria tempe-
rata . Teosrasto pensa che 1' acqua pigli del sapore del terreno ,
non altrimenti che interviene del sugo de'srutti delle viti e de-
gli alberi, i quali tutti sanno di quel terreno , dal quale pigliano
l'umore, e di tutte quelle cose che si congiungono colle loro ra-
dici . Gli antichi dissero che vi erano tante sorti di vini, quanto
eran le qualità de' terreni dove lì piantavano le vigne . I vini di
Padova, dicea Plinio , sanno di salci, a'quali ivi il maritano lo
viti; e Catone insegna come si medicano le viti cols elleboro , er-
ba atta a muovere il corpo senza pericolo , gittando fascetti di
quelt' erba alle barbe delle viti quando esse si scalzano . Quindi
nasce , che quelle acque che escono dal sasso vivo, sieno migliori
che quelle che escono dal fangoso . Ma pensano che quella sia di
tutte l'altre migliore, la quale nasce di quel terreno, del quale
sé tu ne metterai in un catino meschiato con acqua per farne lo-
to , subito che tu reiterai dal rimenarlo, esso sé ne vada al fondo,
e lasci l'acqua di colore, di sapore e di odore purissimo. Per la
medesima ragione pensava Columellà, che le acque che iì rivol-
gono per precipizj sassosi fossero ottime, perchè esse non Vi gua-
stano per stranieri mescolamenti. Ma non ogn'acqua che corro
fra i salli è tale che io la lodi molto , perciocché sé essa correrà,
per un letto profondo, che abbia le ripe molto ombrose e pro-
fonde , essa diverrà cruda, e sé esfii correrà per un letto troppo
aperto , allora facilmente consento ad Aristotile, perciocché per
1' ardore del sole consumatesi le parti più lottili, diverrà più gros-

. sa..
loading ...