Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo [Übers.]
I Dieci Libri Di Architettura — Rom, 1784

Seite: 510
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1784/0536
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
L . I: B R O D E C I M O

acque che. salisiero in alto nelle fontane degli, orti , e nelle slufe
cominciarono a condurle per acquedotti.. fatti sopra archi coru
fabbrica ih alcun luogo aita più di cento venti piedi , e -lunga
più di sesianta mila pallit In quessi,. vi .erano ancora molti como-
di ; perciocché dappertutto ed anche in Trastevere macinavano
coli' acqua di quelli, acquedotti: le. biade e i grani , e solamente
dopo che furono essi disfatti dai nemici , cominciarono, a fare i
inolini sulle.navi. Aggiugnivi che per l'abbondanza delle acque
. E.alpetto della città, e l'aria ne divenne più pura e più bella.
Vi aggiunséro'ancora gli architetti alcune cose, le quali indicas-
sero le ore e i -tempi,importanti a.conoscersi per i bisogni civili
con grandissimo piacere delle cose che quivi si muovevano , e che"
c.onsistevano. in alcune statue di bronzo, le quali caminavano di-
nanzi alla facciata della fonte , e rappreséntavano ora i giuochi e
la pompa de' trionfi, ed ora altre cose tali. Udivansi ancora or-
gani mùiicali, armonìe e concenti di vóci molto sonore e molto
fòavi, causate dal moto dell'acqua. Gli acquedotti murati li cuo-
privano di una volta alquanto grossa , acciocché 1' acqua non si ii-
scaldasse per il sole;.e per di dentro li arricciavano ed incrosta-
vano di un intonaco , limile a quello col quale dicemmo matto-
narli i pavimenti , e grasso almeno sei dita. i . .' ini
Le.parti degli acquedotti murati son quelle . Presso all'inci-
le si fa una: cateratta ; dipoi giù per il condotto li fanno le con-
serve dell'acqua .: Dove s'incontra poi un terreno che lìa troppo
alto , si cava un bottino ; allo sboccatolo donde s'ha a versar
lì acqua si adattati le cannelle.. Quelle cose da'legisti sono desi-
nite in quello, modo ..Il rho è .il'.canale , per la lunghezza del
quale si conducono le acque; la cateratta o chìufa è quella che si
applica all'incile per avviare le acque; le conferve son quelle che
serbano-l'acqua.pubblica ;. il bottino è quello che.è cavato nel ter-
reno con ripe attorno.,-dalle, quali si possono vedere le acque; lo,
éomtojo è la fine del condotto donde si versano le acque .' Tutte

que-
loading ...