Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo [Übers.]
I Dieci Libri Di Architettura — Rom, 1784

Seite: 533
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1784/0559
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
DE'RIMEDJ DEGLI EDIFICI ;j3

e -----------o--

che l'acqua si abbia ad alzare , e che si sforzi a gonsiarli, poiché
così verratti fatto che l'onda, che parlerà di sopra colla sua ca-
duta vi caverà una sossa. Inoltre quanto dalla parte inferiore del
fiume tu scaverai, tanto il Ietto del fiume si scaverà sino al suo
fondo ;. poiché 1' acqua nello spignersi commuove e perturba con-
tinuamente il terreno> e lo porta via . Purgherai- ancora un ri-
vo ed una fossa, mettendovi dentro bufoli in quello modo. Ser-
ra 1' acqua acciocché si alzi ; dipoi fa che il bestiame con correr-
vi dentro , ed aggirarvisi spessò , faccia l'acqua torbida ,. e subito
dando 1' esito immediatamente a quest' acqua, essa le n'andrà pre-
cipitosa, e laverà il fondo -

Che sé per avventura vi sarà cola alcuna sotterrata nel fiume
o sitta in elso, che gli dia impedimento , oltre all' altre macchi-
ne che sanno fare i maestri, ve a' è una attissìma, cioè quella di
conduryi vicina una nave carica, e di legarvi fortislimamente il
palo, o qual' altra cosa si voglia che tu abbi a distaccare dal fon-
do , poiché scaricando la nave del peso di che era carica > nasee-
rà che alleggeriralE elso di peso , ed alzandoli sopra le acque,
svellerà sino dalle radici quel che tu le avrai attaccato . Giove-
rà molto sé neir alzarli la nave tu girerai il palo come si fa unaj
chiave. Io ho veduto nel paese di Palesìrina una creta umida,
nella quale sé tu vi ficcherai o un palo o una spada non più aj
fondo di un cubito, non sarà mai posfibile che con forza alcuna
di mano tu ne la polii cavare, ma sé nel volerla cavare tu la gi-
rerai un poco, come fanno coloro che vogliono forare con suc-
chielli, ti riuseirà il cavarla più facilmente . Presio a Genova vi
era uno scoglio aseoso lòtto le onde, che impediva l'entrate del
porto ; trovolsi un uomo a' tempi nostri dotato di maravigliosa
arte e natura, che lo tagliò, ed aprì largamente detta entrata;
e si è sparla la fama che coflui stà sotto le acque assai , e che
non viene fuori dalle acque per riavere il fiato , sé non dopo
lungo tempo. Caverai il fango dal fondo con una rete grolla e

ron-
loading ...