Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo [Übers.]
I Dieci Libri Di Architettura — Rom, 1784

Seite: 537
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1784/0563
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
DE'RIMEDJ DEGLI EDIFICI ^n

guaderanno. Gioverà piantare unaselva, e massime di sratti ver-
so i venti nocivi, perchè importa molto da qiiaF ombra di fron-
di o foglie tu riceva Ilaria,. Dicono che una selva di quegli albe-
ri che fanno la pece, giovi grandemente a' tisici, ed a coloro
che per lunga malattia non possono riavere le forze. Per lo con-
trario sono nocivi quegli alberi che hanno le foglie amare, per-
ciocché esse generano, aria perlifera. Se alcun luogo sarà umidic-
cio , paludoso e pantanoso, gioverà molto allargarlo, e far che
vi entri molta aria, perciocché i puzzi e le nocive bessinole che
vi nascono , si spegueranno pretto per 1' aridità e per i venti .
Presso ad Alexandria vi è un luogo pubblico , nel quale si pon-
gono e non altrove tutte le brutture e tutte le macerie delle fab-
briche della città, e di già hanno fatto un monte tanto alto , che
porge molta opportunità a' naviganti per entrare in porto più fa-
cilmente . Adunque i luoghi bassi e vuoti mediante una legge li-
mile si riempiranno . A Venezia , il che io lodo grandemente,
a' tempi miei, coi nettamenti della città , hanno ampliato sra le
paludi piazze grandissime.

Coloro che coltivano i campi pretto alle paludi dell' Egitto,
dice Erodoto , che per fuggire e schivare la molestia delle zan-
zare e delle mosche , dormono in torri altillìme. In Ferrara sui
Pò dentro alla terra non si veggono troppe zanzare ; ma fuori del-
la città a chi non vi è avvezzo son cosa esecrabile . Pensano che
esse si caccino dalla città cols abbondanza de'suochi e de'fumi.
La mosca non flà volontieri né all'ombra, né al freddo, né in
luoghi ventosi, e massime dove le sinessre saranno alte . Vi sono
alcuni che dicono che le mosche non entrano dove sia sotterrataj
una coda di lupo , e che lé.cose velenose si cacciali via, con sos-
pendere in aria una squilla.

I nostri antichi contro il gran caldo tisavano asiaissimi rime-
dj, fra i quali si dilettavano molto di portici sotto terra e in vol-
ta , che non avesser lumi sé non di sbpra. Si dilettavano ancora-*
B b b b 2 di
loading ...