Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo [Übers.]
I Dieci Libri Di Architettura — Rom, 1784

Seite: 542
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1784/0568
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
542 LIBRO DECIMO

~" ' ——— i —-ri

In che modo si ammazzino le cimici lo descrive Sasemo con
quelle parole : metti sotto l'acqua, die'egli, un melone di quei
che i Latini chiamarono Cucumer angu'mus, e gettando di quest'ac-
qua dove tu vuoi, le cimici non vi si accoderanno mai ; o ve-
ramente ugni il letto con siele di bufolo mesehiato con aceto.
Altri vogliono che si turino i buchi colla feccia del vino. La radice
del cerro, dice Plinio , è molto nemica agli seorpioni, e contro a
simili nocive bestiuole , e masiime contro a' serpenti il franino
ha una possanza miracoiosa. I serpenti non riarmo mai ralle fo-
glie delle felci. Manderanno!! i serpenti via coli' ardere capelli
di donne , o corna di capra o di cervo , o seorze di cedro , o
lagrime di garbano, o di silerò, o ellera verde , o ginepro, e
quelli che si ungon di seme di ginepro son sempre sicuri dall' in-
giuria de' serpenti. L' erba haxo inebria col suo odore gli aspidi,
e si addormentano tanto che diventano pigri . Contro ai bruchi
comandano , che negli orti si ficchi una tetta di cavalla in cima
di un palo. I platani son nemici de'pipistielli . Se tu innafHerai
con acqua , nella quale vi si sien cotti fiori di tambuco tu am-
mazzerai tutte le mosche . Ma quello si farà meglio coli' ellebo-
ro . Si ellingueranno ancora le mosche colla cuocitura dell' elle-
boro nero . Il dente canino insieme colla coda e co' piedi sotter-
rato a quel che si dice in saìa , leva via la molestia delle mo-
sche . I ramarri non polsono sopportare 1' odore del zafferano .
Il fumo de' lupini abbruciati ammazza le zanzare. I topi dall' odo-
re dell' aconito, ancorché da lontano , saranno ammazzati . Ol-
tre di quello i topi e le cimici hanno in odio il fumo del ve-
triolo . Le pulci tutte sé n' andranno, sé tu innafferai le stanze
con cuocitura di coloquintida, o dì calcatreppolo , ma sé tu in-
naffierat con sangue di becco, allora vi correranno a mucchi .
Scacciansi ancora cols odore del cavolo, e molto più con quel-
lo dell' oleandro . Mettendo in var; luoghi vali di acque per le
stanze, si spegneranno facilmente le pulci saltandovi dentro a ca-

so .
loading ...