Alberti, Leon Battista  ; Bartoli, Cosimo [Übers.]
I Dieci Libri Di Architettura — Rom, 1784

Seite: 548
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1784/0574
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
L 1 B R O D. E C I M ,0

e vi murerai sotto nel medesimo modo. In .questa guisa adunque
con queste fosse., metterai tu sotto un sostegno al muro .

Ma sé tu non avrai come vorresti saldezza di terreno, allo-
ra fatti certi pozzi o fosse in alcuni determinati luoghi poco di-
scosto dalle cantonate, e vicino alle radici del muro, da un lato
e dall' altro, cioè tanto dalla banda che è al coperto > quanto da
quella che è allo scoperto , siccherai nel terreno pali fòltissimi,
e vi distenderai correnti gagliardissimi giù per il lungo del muro.
Dipoi metterai sopra travi grosse e molto gagliarde attraverso le_>
radici del muro, talmentecchè stieno sopra i didesi correnti , e
colla schiena loro quali facendo ponte, reggano il muro. In tut-
te queste ristorazioni, che io ho descritte, bisogna badare chej
il lavoro nuovo che tu aggiugni non sia per conto alcuno troppo
debole , sicchè non possa lungamente e bene reggere il ricevuto
peso , perciocché in un subito tutta la macchina del muro gittan-
doiì verso questa parte più debole rovinerebbe.

Che sé i fondamenti si saranno smoslì nel mezzo del muro , e
le parti di sopra senza essere offese daranno in piedi, disegnerai
allora colla matita nel muro un arco grande secondo il bisogno,
cioè che pigli sotto di sé tutto quel muro che si è smosso. Dipoi
incominciando dà una delle tede di detto arco, fola il muro da
banda a banda con una buca appunto tanto grande, che baili a_>
potervi mettere una pietra ad arco , la qual pietra noi altrove
chiamammo Cuneo, ed assetta di maniera questo cuneo, che col-
le sue linee si dirizzi al centro . Dopo questo apri un' altra buca
vicina e contigua a questa, e riempila di un altro cuneo sienile,
e così di mano in mano successivamente va finendo 1' arco , e ti
riuseirà quel che tu cerchi senza pericolo alcuno .

Se una colonna o alcuni odami si saranno debilitati, li rista-
bilirai in questo modo. Fa sotto l'architrave del tuo lavoro un_.
arco gagliardo di tegoli e di gesso, mettendovi sotto ancora pila-
stri murati con gesso a tal cosa accomodati, sicchè quell'arco ch'è

fatto
loading ...