Michelessi, Domenico; Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 1) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-1]

Seite: V
DOI Seite: 10.11588/diglit.28020#0047
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd1/0047
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
y

renti ; ed ebbe tre sorelle, cîie sono state mari~
tate a Gentiluomini veneziani di famiglie anticlie
ed illustri, e due fratelli, uno de’ quali mori gio-
vinetto , e 1’altro è il conte Bonomo Algarotti ,
persona di natura gentile , e d’ animo candido ,
e d’ indole liberale e benefica : del cui fino e de-
îicato senso del bello caderà ragionamento di poi.
Questi, ch’ era d’età maggiore, studiô nel col-
îegio della Trinità di Lione , e fu quindi alla cu-
ra domestica destinato , e Francesco su mandato
a Roma nel collegio Nazzareno, donde piacque al
padre di ricbiamarlo di i4- anni, per farlo edu-
care in Yenezia sotto gli occhi suoi : ma essendo
mancato il padre , il fratello sollecito della sua
educazione, lo mandô a Bologna sotto il celebre
Eustacbio Manfredi. La generosità dell’ indole ,
e dell’ingegno di questo giovinetto prese si fatta-
mente ii cuore del suo maestro , che teneramen-
te 1’ amô fino alla morte : di che abbiamo un te-
stimonio onorevole nella Vita del Manfredi pub-
blicata da Gian - Pietro Zanottipeata e lettera-
to distinto, il quale scrisse : Uno di çuesti in~
telletti, cli era la gioja sua , la sua delizia , si
è il conte Francesco Algarotti viniziano , gio-
vine , col cjuale come la fortuna su abbondevo-
le di grandi averi, cosï su d' ingegno la natu-
ra , che tanto gliene diè, cjuanto era in suo po-
tere ; ed è da tutti amato , e stimato , e della
sua dottrina , e vena poetica ha dato al mon-
do chiarissime prove . Due fra gli aitri furono

a 3 a Bo~
loading ...