Michelessi, Domenico; Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 1) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-1]

Seite: XIV
DOI Seite: 10.11588/diglit.28020#0056
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd1/0056
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
XIV

ti, nondimeno gli vediamo diritti ; e come , ri-
cevendo noi in due occhi due immagini deii’ og~
getto , pure non doppio , ma unico lo vediamo.
Questo è in compendio l’intero soggetto del Li-
bro, quale si legge presentemente, e quale 1’ au-
tor suo dopo varj, e diligenti esami, e mutazio-
ïii di luoghi diversi, Io ha ridotto a maggior bre-
vità , e a pieno ornamento , temperando nell’ età
sua più matura e più perfetta il fuoco delia gio-
vanile eloquenza , che nelle prime edizioni gli
parve troppo copiosa e iiorita . L’ eleganza, di
cui è sparsa quest’ opera lilosofica , il giro dello
stile facile e familiare , 1’ aria vivace della conver-
sazione, 1’ arte , che rende vaghe e ridenti le de-
scrizioni, F interesse , che lega ed impegna la cu-
riosità della giovine donna , che apprende , sono
cose , delle quali non si puô dare in questi fogli
alcuna giusta e aggradevole idea, ma si conosco-
no leggendo quel libro , in cui la filosoha guida-
ta dalla felice immaginazione , e adorna di tutte
le grazie dello stile , si è mostrata per la prima
volta agl’ Italiani amica della conversazione , e dei
dialogo . È il dialogo il più sicuro metodo d’ in-
segnar dilettando ; e con esso il divino Platone
spogliô , per quanto fu possibile , della ruvidezza
loro le sottili questioni della teologia , della mo-
rale , e di tutta la metafisica ragione : onde ac-
cortamente scelse il conte Algarotti questa via spe-
dita di comunicare i suoi pensieri alla persona ,
con cui finge di ragionare , astenendosi per chi-a-

rezza
loading ...