Michelessi, Domenico; Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 1) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-1]

Seite: LXIII
DOI Seite: 10.11588/diglit.28020#0105
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd1/0105
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
LXIII

divulgati colle stampe , e ne restano ancora pres-
so il fratello le prime forme , nelle quali è inta-
gliato il nome del conte Algarotti , e l’anno , e
il luogo dove furono fatti . Similmente inventô
molti vasi sul gusto antico , e gli diede ad inci-
dere a Mauri.no, belli tutti e leggiadri, e spe-
cialmente quello , che rappresenta la pompa fu-
nebre, e le Parche sopra sedenti ; e in questi ra-
mi è scritto in greco : Algarotti invento , Mau-
rz/zQ incise. Con tali fondamenti di dottrina di
osservazione e di pratica scrisse il conte Algarot-
ti il Saggio , e le lettere sopra quella parte di ar-
chitettura, che civile si chiama ; e spiegandone
Jfilosoficamente i princip) e i progressi, scoperse
gli abusi in essa introdotti, e sciolse le obbiezio-
nx d’un cinico novello, nemico deil’arte di fab-
bricare ornatamente, e disprezzatore di tutti in-
sieme gli edifizj moderni ed antichi, e più di
quelli, che hanno maggior vanto di bellezza , e
passano per esemplari dell’arte. ïn quel Saggio ,
e in quelle lettere discorrendo per gli ordini tut-
ti, e per tutte le più sottili parti esterne ed in-
terne de’magnifici e dilettosi edifizj di tempj di
palagi d’ardii di ponti e di logge , mostrô sar-
te vera e bella ai moderni architetti troppo inge-
gnosi neï soverchio carico de’puerili ornamenti,
con che hanno oppressa ogni vaga proporzlone,
e cj;uella maestosa semplicità palladiana . Scrisse
poi sopra V\Accademia francese, ch’è in Roma,
un Saggio contro l’opinione di alcuni, che asse-

rivano
loading ...