Michelessi, Domenico; Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 1) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-1]

Seite: LXIV
DOI Seite: 10.11588/diglit.28020#0106
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd1/0106
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
L XIV

rivano m voce ea in iscritto , non esser duopo
asli studiosi di quella nazione di venire a cercar
fra noi i modelli del disegno della pittura e del-
la scultura, trovandosi in Francia opere d'artefi-
ci valenti al par de’ nostri ; la quale cpinione il
conte Algarotti rigetta con evidenti prove, apren-
do nel suo Saggio tutti i tesori dell’antica indu-
sti'ia itaîiana, e scliieranclo sugii occhi degli stra-
nieri i risplendenti esemplari dei bello, de’ quali
sono povere le fioritissime metropoli in paragone
delle principali città d’Italia, non .clie di Roma,
uoviziosa erede delle nobilissime artigreclie. Scris-
se poi e le Lettere, e il Saggio sopra la pittu-
ra, nel quale l’arte è ricondotta ai principj suoi,
e sono esposti que’mezzi, ciie per salire alia ci-
ma di essa sono necessarj. Cosi l’arteEce EIoso-
fo versato negli studj morali ha saputo spiegarci
gli ostacoli, che attraversano il buon gusto , e il
progresso ritardano delle arti belle ; pratico dell’
anotomia ci ha mostrata la necessità, che Iia il
pittore dell’ intelligenza della configurazione e
connessione deil’ossa reggitrici del corpo, e del-
la motrice forza de’ muscoli per ben esprimere
l’aspra figura degli uomini robusti, e le polite
membra femminili, e i corpi teneri de’ delicati
fanciulli; nutrito nelle fisiche esperienze ci ha in-
segnato lo ragioni e I’ uso della camera ottica ,
per gli sfuggimenti e la diminuzione delle par-ti,
e per Ie apparenti grandezfce della prospettiva ,
ed ha stabilite le regole della simmetria per l’or-

dine,
loading ...