Michelessi, Domenico; Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 1) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-1]

Seite: LXXVII
DOI Seite: 10.11588/diglit.28020#0119
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd1/0119
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
LXXYIÏ

scritta l’istoria della vita e delle massime di qnel
poeta con un dottissimo esame deile sue poesie .
Questo Saggio è intitolato a FEDERICO IL
GRANDE, e di esso scrisseM. deVoltaire: Voî
'parlate cli Orazio conie un iiomo , che fosse sta-
to suo intimo amico . E giusto , che uno cono-
sca a fondo i caratteri, ai quali rassomiglia,
Scrisse ancora il conte Algarotti un Saggio sopra.
la necessità di scrivere nella propria Lingua , e
spiegô le difiîcoltà, che vi ha in usare le lingue
morte ; scrisse sopra la rima, mostrando com’
essa rende gentili e soavi le brevi canzoni, ma
diventa catena dell’ ingegno ne' lunghi componi-
menti, ne’quali è necessaria solo allelingue, che
non sono doviziose, quanto è la nostra di locu-
zioni poetiche ed ardite , di sonorità di parole,
e di libertà di sintassi : scrisse sopra la lingucz
srancese, indicando le ragioni ue’tardi progressi
di quell’ idioma, e le sue proprietà ; e facendo
giudiziosi rifiessi sopra le Accademie , che sono
state costitxrite legislatrici del bel parlare in Ita-
lia ed in Francia; scrisse sopra le due quistioni,
se le varie qualità de popoli nascono clall' in-
flusso clel clùna, o dalla virth clella legislazîo-
ne , e perchè i grandi ingegni in certi tempi
foriscoiio tutti ìnsienie ; e trattô la prima con
molta erudizione greca e latina, e la seconda con
molto ingegno , e con verisimili congetture con-
tro il parei'e del ceîebre Racine . Oltre queste ope-
re quell’uomo erudito ci ha lasciata una raccolta
loading ...