Michelessi, Domenico; Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 1) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-1]

Seite: XCVI
DOI Seite: 10.11588/diglit.28020#0138
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd1/0138
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
XGYI

e fra Cesare, clie trionsava colle foree di Euro-
pa, e FEDERICO , che ha trionfato delle sor-
ze di Europa unitasi , conie dice M. d’ Alem-
bert, per cottzbatterlo , ed ammirarlo ; noi di-
remo, che non nien glorioso fu per il conte AI-
garotti quel dì solenne, che accompagnò FEDE-
R.ICO a Kônisberg, quando andava nel 1740. a
prendere la corona, e si trovô seco in mezzo agli
applausi ed al giubilo di quella potente e valo-
rosa nazione , misto e consuso coi Principi del-
la R.eal samiglia, e sommamente in quella fer-
vida aliegrszza onorato dalRe, poichè stette nel-
la Real loggia al suo fianco spargendo al festoso
popolo le, monete coll’ immagine di FEDERI-
CO, o più tosto della fdosofia cinta di diade-
ma. In quell’ istesso anno , che sark sempre ce-
lebrato per il cominciamento di un regno tanto
glopioso, decorô quel Monarca con distinta pre-
diiezione il letterato suo confidente dei grado e
della dignità di Conte del Regno di Prussia, nel-
la persona di Iui, e del fratello , e de’ discenden-
ti delia famiglia Algarotti, ch’essendo illustre per
facoltà e per nobilissimi parentadi, ricevette cosx
un nuovo ornamento dalle lettere, e dalla virtù,
e ne assunse poi il titolo onorifico secondo il re-
gio diploma riconosciuto dal Senato veneto . Si-
milmente nel 1747- non tenendosi pago il Re
de’ sentimenti d’ ammii'azione , e de’ vincoli di
gratitudine , con che il conte Algarotti gli era le-
gato, volle stringerlo ancora con più intimi no-
loading ...