Michelessi, Domenico; Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 1) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-1]

Seite: CXIV
DOI Seite: 10.11588/diglit.28020#0156
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd1/0156
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
CXIV

clii leggcsse non desidererebbe certaraente altra
istoria fuor che quella , che poteva uscire dalla
selice penna dei conte Algàrotti ; si bene e pre-
cisamente sono dcscritti in quelle lettere gli ac-
cidenti della guerra , i satti d’ arme , la condi-
zione degli eserciti , le vittorie , e i cimenti del
Re stesso, e del coraggioso principe Enrico, da
cui la predetta Signora ricéveva la maggior par-
te delle nuove , le quali poi comunicava al let-
terato suo amico .

Ma il conte Algarotti non avrebbe conseguiti
gli ônori predetti congiunti all’ alti'ui costante
benevolenza , la quale è esfetto del merito di cbi
la ottiene , e non della liberalità di cbi la do-
nà ; se alla moltiplice dottrina non avesse accop-
piato un eccellente carattere di probità e bon-
tà d’ animo , per cui in tuttà Italia , e nelle
estere corti, e nelle città , dove ba ne’ suoi viag-
gi fatto dimora , è stato da tutti siilgolarmente
amato e stimâto . Pur troppo per avversa sorte
della filosoiia e delle lettere, grande è in. tutte
le istorie il numéro de’ filosofi, che non aven-
do il cuore concorde coli’ intelletto , invece di
congiungere alla felicità della scienza la onestà
del costume , banno colla viltà delle azioni smen-
tita la gravità delle massime e degli scritti lo-
i'o , e reso temuto nella vita civile il nome, e
la condizione di letterato, di cbe sra gli altri il
nostro secolo è infelice testimonio . Ma a noi è
toccata la sorte di scrivére la vita d’ un sdososb

paci-
loading ...