Michelessi, Domenico; Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 1) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-1]

Seite: CXV
DOI Seite: 10.11588/diglit.28020#0157
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd1/0157
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
CXY

paciilco temperato e trancjuillo, che tutto rìvòì-
to fin clalla prima età agli esempi de’ buoni, hâ
unisormata la vita a tutte le morali vi'rtù , iii
maniera che avendo lodatori ammiratori ed ami-
ei -a'ssai, non ha àvuto in tutto il corso del vi-
ver suo un uoino solo , che a ràgione o a tor-
to siasi mai querelato di lui , nè in voce nè in
iscritto . La giustizia, e la riconoscenza, che so~
no lè basi della bontà , surono virtù ingenite
nel cuore del conte Àlgarotti , ed ei le cohivô
jfinchè visse speciàlmente riguàrdo al suo 11 e ,
verso le cûi eceelse doti, e beneücenze fu giu-
stissimo e gratissimo . Tale si mostrô Hn dal pri-
mo di, ch’ ebbe Ia sorte di conoscerl'o , esaltan-
do sempre il suo augusto nome , e divülgando-
ne 1’ imprese e le lodi con dimostrazione di mol-
ta riverenza ed onore , non solo in più luoghi
clelle opere pubblicate , mâ anche nelle sue iet-
tere familiari è secrete , piene d’impegno d’amo-
re e di vivà passioné per gl’ interessi e per la
fama del suo principe : le quali lettere sparsé
ora di sperànza ora cli turbamento ora d’ alle-
grezza , seconclo le Vàrie vicende dèlle armi , é
secOndo la fortuna di quel Monarca regolatricé
del cuore clel conte Algarotti sôno andate per
le mani de’ suoi amici in Italia e fuori , e né
rimangono àncora fra le sue carte alcuiti abboz-
zi , sinceri testimonj clell’ animo suo giusto gra-
co e fedele . E cjuesta inviolata fede, che senzà
eambiamento o àlterazione alcuna Hno àll’ estrë^

h â ïno
loading ...