Michelessi, Domenico; Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 1) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-1]

Seite: zb
DOI Seite: 10.11588/diglit.28020#0182
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd1/0182
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
del sig. ab. Frugoni, ed alcunü dltri de" suoi ;
e co'sï a formare si venisse tra noi quasi' una
lega pcetica,. Io per non entrare in fazionî
e brighe letterarie, nel ricusai nel miglior mo~
do che seppi ; ma con fermo animo e da ve*~
ro ; non già da autore, lasciatemi dir cosi ,
Madama, che con durezza donnesca nega cjuel-

10 , che vorrebbe gli fosse rapito . II padrc Bet~
tinelli diecle dipoi al pubblico i suoi versi di
per sè ; ed io stimava , che gli fosse del tutto
uscita di capo quella sua prima fantasia : quan-
do verso la fine delVanno scorso, essendo io
in Bologna, venni a sapere , come erano stam.
pate in Venezia alcùne mie poesie in compa-
gnia di altre del medesimo padre Bettinelli,
e del sig. ab. Frugoni ; e pià , che tali poe-
sïe erano prccedute da certe Lettere contro
a Dante , e al Petrarca , le quali levato ave-
vano un cosï grave scandalo , che già eravi
chi contro ad esse avea socosamente scritto ,
prima ancora che fosscro di pubblica ragione .

11 libro uscï : ecl ccco, JMadavia , come senza
mia saputa, anzi contro mia voglia, mi hanno
pur crecito Triinnviro . lo non mancai a me
jncdcsimo e feci porre in fronte d miei ver-
loading ...