Michelessi, Domenico; Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 1) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-1]

Seite: 5
DOI Seite: 10.11588/diglit.28020#0191
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd1/0191
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
5

A nostre rupi in sen pianta salubre.

Che se concedi a noi nomarti Augusto (7),
Di Fiacco a me concedi il canto e il nome.

*o*o*o*o*o*o*o*o*o*o*c?*o*

ALLA MAEST Â

DI ANNA GIOYANNONA

Imperatrice delle Russie .

III.

C^Uella, che a pochi conosciuta un tempo

Nei solitarj portici sedea

Di Padova o d’ Oxford , chiusa nel velo ,

La maestra del ver filosoha,

Or tu la chiami, augusta donna , al trono :
Tu del genio fra noi di Pietro erede ,

Del Russo imperio tu Minerva e Giove .
Qual fu mai cosa a’desir tuoi non pronta ?
Per Llandir di concenti armoniosi
L’ orecchio tuo , del grande usfizio altera ,
Dall’ italico ciel volô già Euterpe ;

Yolô di Francia in roseo corsaletto
Anch’essa Flora ; e lungo Pampio Neva
Dal verde smalto all’ occhio tuo già cresco
Nuovo piacere , e maraviglia nuova .
Dall’argenteo Tamigi omai sen viene ,
loading ...