Michelessi, Domenico; Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 1) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-1]

Seite: 7
DOI Seite: 10.11588/diglit.28020#0193
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd1/0193
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
7

Già nel tuo Petroburg, palude un tempo
Folta di giunchi al pescator sol nota,

Or nodrice d’ eroi città reina,

II primo seggio il buon Neutono io veggo
Tener tra filosofica famiglia ;

Ed anco fia, ch’ egli tua lingua apprenda,
Se tal, ministro alle sublimi cose,

Non ispirano invan Minerva e Apollo (8).
Qual terra mai, qual clima fia, qual mare,
Qual mondo allor non di sua gloria pieno ?
Intanto, o Donna, itale voci il vero
Scioglier sul Neva udrai : mentre le Turche ,
E le Tartare insegne appende, e sacra
Nel tempio tuo la gloria, e il Russo Marte -

40404040+040+0+0+0+0+0+04

ALLA MAESTA
D I A U G U S T O IIL

Re âi Polorâa , Elettor di Sassonia,

IV.

3ovente allor che infra di noi la culta
Nostra favella, e nostri modi usando
DelLAdria il genio innamorotti, un altro
Navagero in te udire, e un altro Bembo
Credettero , Signor, V itale muse j
loading ...