Michelessi, Domenico; Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 1) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-1]

Seite: 9
DOI Seite: 10.11588/diglit.28020#0195
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd1/0195
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Che afsinano cotanto , e nobil fanno
La sassonica argilla ; esse per cui
L’ arte cinese dall’ Europa è vinta .

Sorride a te , Signor, dall’ alto Apollo ,
Apoilo a cui del Palatino in cima
Pur anco , tua mercè , vedere intatto
Sembra il dotto museo , e il tempio d’ oro .
Se non che risonar già più non s’ ode
Tra le muse , che fanno a te corona,

Del buon Pallavicin la chiara tuba.

Morte rapillo , e noi morto il piagnemmo :
Quegli, che già di te si alto scrisse ;

Quegli, che d’Arno entro alle limpid’ accjue
Derivè di Yenosa il ricco fonte ;

Quegli, per cui di toschi modi il giogo
L’indocile poeta anch’ei sentio .

Ma estinto appena dalla buja notte .

A più bei giorni tu, Signor, nel chiami ;

E ’l nome suo diretro al VTnosino
Del tempo vincitor per le future
Etadi batterà i’ agili penne ,

Mercè Farte si bella a’Greci ignota ,

Che i sermoni non solo agli occhi pinge,

Ma in un tratto multiplica, ed eterna.
Sacerdote d’Apollo , e tuo nomasti
Tu me, Signore, onde cercar le sparse
Opre del vate amico a ine si desse j
To: L B
loading ...