Michelessi, Domenico; Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 1) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-1]

Seite: 17
DOI Seite: 10.11588/diglit.28020#0203
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd1/0203
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
l7

11 miracol dell’ arte in Yaticano »

Qual la grinza Canidia il cuor si rode
Ove Lalage o Cloe , vispa fanciulîa,

Bruna il crin, rosea il volto a sè dei cakli
Giovanetti l’amore e roccliio inviti ;

Tale è Fannio con te. Viver tuoi versi
Pur egli vede, e farsi con diletto
De’ tuoi detti conserve in ogni loco ;

Mentre gli aurei volumi, ond’ egl’ intesse
A monaca o a dottor febea ghirlanda,
Muojono insiem con l’ultimo foglietto (24)»
Quindi, credilo a me , quello sdegnoso
Grammatico saggiuol ch’ha sempre allato ( a5) j
Quindi Dante e Petrarca $ e i miglior tempi
In bocca ha sempre (26), e quella invida lode,
Che sol per odio a’vivi i morti esalta (27).
Ma di là dell’italico Apennino
Miri costui del bel Sequana in riva,

Dove l’Achille tuo di nuova lingua,

Ma non d’armi più fine rivestito ,

Sforza i voti e l’applauso infra una gente
Culta d’ognisaper, ricca d’ogniarte,

E del Lazio rivale ; e quell’ onore
Ti rende ad una voce estrania gente,

Qual ti rendranno i posteri tra noi (28).
Intanto siegui il nobile tuo volo,

Cigno animosc, e non degnar dal cielo
loading ...