Michelessi, Domenico; Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 1) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-1]

Seite: 75
DOI Seite: 10.11588/diglit.28020#0261
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd1/0261
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Fur visti, come pria, tratti dal dolce
Suon di tua lira ; o su le meste e flebili
Corde prendessi a lacrimar del morto
Amico lunge dal paterno tetto ?

De le sante d’Apollo arti, e de^santi
Costumi e peregrini ornato e chiaro ,

Cui strania terra ricopria lontano
Da gli aviti sepolcri, ove tra sassi
E balze scende impetuoso il Sarca ;

0 di mirto odoroso il crine ombrato
Ne’ di festivi in mezzo l’are, e in rnezzd
Arabi fumi inni cantassi al tuo
Giberto, inni clie poi da più riposti
Antri solea ridir il tuo bel Caho .

Te di Naco le rupi, e di Briano
Chiamaro i sassi, e te chiamar le selve,

Te la grand’ombra del dotto Catullo
Per entro il bujo de la fosca notte
Chiamô sovente > e di nuova dolcezza

1 patrj colli e le campagne empio.

Deh ! che non vien tu meco a sparger fiori >
Eùstachio mio, e incenso arabo e mirra
Sul monumento del divin poeta?

F 2>
loading ...