Michelessi, Domenico; Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 1) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-1]

Seite: 91
DOI Seite: 10.11588/diglit.28020#0277
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd1/0277
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
(2Ô)

9*

Hinc illæ lacrymæ.

Uorat. Epist. XIX. Lib. I

(26)

Ego autem illos ipsos laudo, idque merito p
quorum se isti imitatores esse dicunt, etsi in eis
aliquid desidero : hos vero minime, qui nihil il«
lorum , nisi vitium sequuntur , çum a bonis ab«
sint longissirne.

Cic. Orat. c. 5i„

(27)

Ingeniis non ille favet, plauditque sepultis ,
Nostra sedimpugnat, nos, nostraque lividus odit,

Hor. Epist. I. Lib. /,

(28)

HAchille in Sciro su già 'voltato in Fran-
cese ; e nelle Osservazioni sugli scritti moder»
ni su proposto come il migliore esemplare dî
Hra/nma . Dipoi le Opere del sig. ab. Metasta-
sio sono state voltate tutte nella medesima
lingua . Ma cjuello , di che egli deve somma-
mente compiacersi, è la gîustizia, che gli ren-
de nel proemio della Semiramide cjuel so-
vrano ingegno della Francia, e luine della no-
stra età il Holtaire. Tra le altre cose trat-
tandosi delle due belle sce/ie di Tito egli di-
ce : Ces deux Scenes comparables à tout ce que
îa Grece a eu de plus beau, si elles ne sont pas
supérieures ; ces deux scenes dignes de Corneille,
G 2 quand
loading ...