Michelessi, Domenico; Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 1) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-1]

Seite: 108
DOI Seite: 10.11588/diglit.28020#0294
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd1/0294
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
io8

niiovi ritrovamenti dei Renato, e del Neu-
ton ■. Nelie Matematiche poi , che sono , co-
me suoi dirsi, ia prova degï ingegni, e seir
za ie quali non potrebbono i suddetti ritrova-
menti abbastanza comprendersi, basti il di~
re, che ie apprese dal ceiebratissimo sig. Eu-
stachio Mcmsredi, che tanto è stato preso
dali’ ingegno pronto e vivace di un tale di-
scepolo , che tutto ancora n è pieno , e niu-
no ama con pià tenerezza ; e quanto vagiia
il giudizio di un tai uomo , e V amore, voi,
signor Marchese, ben io sapete. Oitre aila
Latina, e alia Greca tratta il signor Alga-
rotti ancora altre lingue , e quanto scriva
eiegantemente neila nostra vel dica il pre-
sente libretto. Dottamente poi discorre d'ogni
belV arte, e cosi , che ne par professore , e
a tanto è giunto , e pure appena ha compiu-
to deiia sua etd V anno ventesimo - primo .
QiLeîlo vi dico , che m è paruto susficiente,
perchè io potessi con sranchezza offerirvi que•
ste Poesie ; quei di più , cii io non so dirvi,
il vedrete voi, e conoscerete, quando con lui

vi
loading ...