Michelessi, Domenico; Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 1) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-1]

Seite: 117
DOI Seite: 10.11588/diglit.28020#0303
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd1/0303
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
117

Y.

o cagnolina, se chiamando vai
Con quel si spesso tuo gridar pietoso
La donna tua, cli’ io pur dir mia non oso,
Tu consolata , io no , presto sarai ;

Che forse ora di te le incresce assai,

E a te pur torna : io che , pur sai, doglioso
La chiamo sempre , e non ho mai riposo ,
Lasso ! da lei udito non son mai.

Nè avvien mai, ch’io la vegga senza velo,
S’io la veggo talora, e tutti i suoi
Pregi asconder vorria da capo a piede.

E certo il torto è ’l suo , che Vedi poi
S’io l’ami; rna cosi sta scritto in cielo,

Ch’io non debba trovar, lasso ! mercede.»
loading ...