Michelessi, Domenico; Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 1) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-1]

Seite: 122
DOI Seite: 10.11588/diglit.28020#0308
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd1/0308
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
122

X;

o messo caro, ed aspettato tanto
Da lei per mia mercè certo mandato ;
Messo, che solo il mio doglioso stato
Temprar potevi e raddolcire alquanto !

Deh ! chi si tosto la mia gioja in pianto
Tutta ha rivolto ; e chi, lasso , furato
M’ ha 1 viso , che potea farmi beato
Sol ch'io ’l vedessi, e quel bel lume santo?

Tu vieni, lasso, a consolarmi, e l’ale
Poi spieghi ratto si, che a pena io provo
Quel ben , che pur da te venir devria :

Ânzi j lasso ! per te cresce il mio male ;
Che dove aver credea la donna mia,

Da lei lontan più che giammai mi trovo.
loading ...