Michelessi, Domenico; Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 1) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-1]

Seite: 125
DOI Seite: 10.11588/diglit.28020#0311
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd1/0311
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Oimè ! che il fatal tempo è gîùnto omài,
Tempo > che ancor lontan pur m’affliggea^
In cui lasciar conyienmi la mia Dea >

Che io sempre con tal brama cercai.

Or ecco il frutto d’ infiniti lai,

Che si dolce raccorre un di credea

Del mio amor ; lasso ! ancor io non sapea

Nulla esser certo a l’uom > che tragger guai

Dunque non fie maipiù , ch’io miri il yolto
II qual, s’ alcuna cosa graye m’ era >

Mirando lui ? potea solo alleyiarmi ?

E il mattino verrà, verrà la sera j
Ella non verrà più a consolarmi ?

O mio stato felice in qual se’ yolto l
loading ...