Michelessi, Domenico; Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 1) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-1]

Seite: 170
DOI Seite: 10.11588/diglit.28020#0356
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd1/0356
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
1/0

Del sìgnór
Âlessandro Fabri ;

LY.

o lume di Vinegia inclito e raro >

O tu prendi â trattar l’arguta lira,

O le carte di Samo e di Stagira,

01e novelle , cli’Arno e Senna ornaro :

Vedesti mai più colto ingegno e chiaro,
Qual di costei, ch’oggi ii Pien nostro ammira
Udisti, come sciogüe , e come gira
Gli opposti enigmi, e a ognun li torna in cliiaro

O lei beata ! o suoi parenti, e noi,

Tra cui pur crebbe ! il ciel ben mostra assai
Quanto gli è verso noi largo e cortese.

Ma puo’ tu neghittoso udirla poi,

E non di rime ornarla? ah ! muovi ornax
La man ministra di sublimi imprese.
loading ...