Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 2) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-2]

Seite: 12
DOI Seite: 10.11588/diglit.28021#0020
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd2/0020
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
12 D I A L O G O

le Alpi altissime , e i colli di Salô lieti di
fresca e odorosa yerdura ; e sotto ha il La*
go, in cui si specchia , sparso quà e là di
nayigli e di care isolette . Quiyi io mi ri-
trovava la state passata a villeggiar con la
Marchesa, il cui aspetto ben risponde a ta-
le amenità di Iuogo ; e quivi mi convenne
ragionar con lei di hlosofia . Mi ridusse a
questo l’acutezza del suo ingegno non me-
no , che della sua curiosità , la quale, se-
condo che porta il discorso , si risveglia a
un motto , e non si sbrama cosi di leggie-
ri. PiiL vaga di sapere , che volonterosa di
parlare, non meno ella sa fare di belle do-
mande, che ne voglia udire la risposta : e
tali per altro sono le maniere, ond’ ella suo-
le accompagnare e condire ogni sua voglia,
che quanto piace a lei, tanto solamente puô
piacere ad altrui.

Quando noi rimaneyamo liberi dalle visi-
te, e dal giuoco ( trattenimento pur neces-
sario, dove molti convengano insieme), par-
te della giornata da noi si trapassaya in una
fresca saletta, intrattenendoci assai sovente
con la lettura di varie cose : ma il più era
di poesia ; parendo che appunto alla poesia
loading ...