Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 2) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-2]

Seite: 18
DOI Seite: 10.11588/diglit.28021#0026
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd2/0026
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
lè Dialogo

gran fama, E chi potesse veder la luce non
cogli occhi del volgo, ma cogli occhi di lui?
In somma voi avete, soggiunse mezzo sorri-
dendo , destato in me un gran desiderio,
se troppo non presumessi, di divenir neu-
toniana . Madama, io risposi, ecco il mo-
do di metter presto il neutonianismo alla
inoda ; e tutti i suoi seguaci avrebbono in
molto buon grado cotesto vostro desiderio,
se il risapessero . Ma in Yerità non so poi,
quanto buon grado fosse per avervi il Pope,
mostrandole il libro che io teneva tuttavia
in mano, che più non vi volete leggere avan-
ti, per una voglia, in cui siete entrata, non
so perchè , di filosoha . Ed ella : un poeta
inglese pieno per appunto di filosoha , qua»
le voi rappresentato ini avete cotesto Pope,
dovrebbe darmi egli stesso la mano a scen-
dere il Parnaso per salire alla verità. Indar-
no tentai di mettere in campo l’altezza des
la materia, e la propria mia insufficienza :
solite formole, ella m'interruppe , che a me
non si dovevano per conto niuno far buo-
ne . Nè tampoco mi valse domandar ternpo
insino alla sera , dicendole , come le sere
appunto da più anni in qua erano consecra-

te
loading ...