Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 2) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-2]

Seite: 34
DOI Seite: 10.11588/diglit.28021#0042
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd2/0042
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
$4 b ! A-l O G 0

quelìa rastiatura , quella minutissiraa polve-
re, ch’è detta la materia del primo elemerr
to > o sottile ? Ella fa la sostanza, la perso-
na medesima delle stelle , e del sole. II so-
le non è altra cosa , che un immenso pal-
lone di materia sottile, che girando rapida-
mente intorno di sè, fa suo sforzo di espan-
dersi per tutti i lati, e cosl viene a pre-
mere per ogni intorno : e questa gagliardis-
sima pressione della materia sottile , comu»
nicata alla massa globulosa , o materia del
secondo elemento , che è tutto intorno al
sole, è dessa la Luce .

Ld è pur vero, ripigliô immantinente
ia Marchesa, che noi siam giunti in un
attimo a far la luce. Ed 10 risposi : cosi è,
Dite ora, Madama, ch’egli era nn conce-
dere un niente al Cartesio, a fargli bitoni
que’suoi dadicciuoli. Ma di grazia îevate
i’occhio a quella infinità di vortioi seminati,
e sparsi per ogni lato del cielo, dove in
tutta la sua maestà a noi si mostra, e ris-
plende la grand’opera del Cartesio. Ciascu-
no di essi è un gran pallone di materia
sottile , che yorrebbe espandersi per ogni
verso , ed uscire de’ suoi termini ; ma egli

ne
loading ...