Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 2) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-2]

Seite: 46
DOI Seite: 10.11588/diglit.28021#0054
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd2/0054
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
4& Dialogo

di che variare a vostro piacimento la fac-

cia dell’Universo.

Veramente , ripigliô la Marchesa, con
questi vortici si viene a fare ogni cosa.
Dica chi vuole , non si potria mai abba-
stanza ammirare ii sistema del Cartesio t
.Non ci è quistione , che egli non sia pron-
tissimo a scioglierla ; e ciè non fa con lun-
ghi raggiri, ma con una semplicità , ch’ è
un incanto „ II sole, le stelle, col irioto
de’ pianeîi, la luce , e i colori noi abbia-
iuo voluto sare , e furon fatti. Ma dite ,
vi è occorso egli mai di ragionare con ah
tra donna di silososia? No al certo > Mada-
ma, io risposi ; nè ci voleva niente meno
di voi a farmi soccombere . Ma che mi fa-
te voi una tale dimanda ? Ed ella : per sa
pere , come essa si fosse comportata j co-
me avesse fatto con questo Cartesio. So
ben io, ripigliai tosto, quel che vi fale
voi. Che occorre, Madama , il nasconder
lo ? Voi vi siete un poUroppo îasciata an
dare coll’ immaginazione,

iJolci cose ad udire, e dolci inganni.
Egîi sembra, siavi caduto di mente quella
Fretta madre di tanti sistemi, che non reg-

gono
loading ...