Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 2) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-2]

Seite: 59
DOI Seite: 10.11588/diglit.28021#0067
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd2/0067
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
%

D I A L O G O

S E G O N D O.

Nel quale si espongano i principj generali
delV ottica ; si dichiara la struttura delV
occhio, e la maniera onde si vecle ; e si
confutano le ipotesi del Cartcsio , e del
Malebranchio intorno alla natura clella
luce , e dei coïori.

- e l tempo che cìurò îa tavola , ora anda-

-î-^s ya immaginando la Marchesa eerte pjr-
ticolari specie di animaletti, da’quali le ve-
nisse destato quello , o queil’ aitro saporè ;
ed ora raggirar faceva in uno o in altro. mo-
do i globetti della luce , secondo la diver-
sità dei colori delle cose , che se le presen-
tavano innanzi : e mostrava avere non pic-
ciol obbligo al Cartesio, da cui riconosceva
d’essere messa a parte de’segreti delia na-
tura . Se non che una qualche noja parea
pur darle, che de’suoi colori ei ne l’avesse
spogiiata . Dove io pur la veniva certisican-
do , che con una semplice disposizione di

parti-
loading ...