Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 2) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-2]

Seite: 74
DOI Seite: 10.11588/diglit.28021#0082
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd2/0082
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Dialogo

veduta del Caualetto, male vi starebbono a
fronte . Maravigliosa vi è la degradazione,
armonioso, quanto mai dir si possa, il co-
lorito , esattissimo il disegno . JYon solo vi
è animato ogni cosa, ma si muove vera-
mente. Yi vedreste camminar le persone,
tremolar le foglie degli alberi, veleggiare
una barchetta, o dar de’remi nell’acqua.
Che più? Su per Fonda , che rompono i
remi , vi vedreste scherzar variamente, ed
isfavillare il lume.

Che non mandiamo tosto , entrô qui a
dire la Marchesa, per una lente ? Mi par
mill’ anni di vedere cosi fedelmente copia-
ti i bei siti, che abbiamo qui d’ attorno,
di vedere un quadro di mano di cosi ec-
cellente maestro , quale è la natura. Gran-
de senza dubbio , Madama, io risposi, sa-
rà la vostra maraviglia ; nè minore il pia-
cere , che ne prenderete . Ma non vi fa-
reste poi anche le maraviglie, se , conti-
nuando io nella stanza buja a ragionarvi di
hlosofia, vi dicessi cosi ? 3> Ora ecco fate
5) ragione di essere col pensiero in uno de5
« vostri occhi, e di vedervi quello , che
3> avyiene là entro. La stanza buja, dove

33 siamo,
loading ...