Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 2) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-2]

Seite: 84
DOI Seite: 10.11588/diglit.28021#0092
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd2/0092
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
8 4 D I A L O G O

to d’ impazienza la Marcliesa. Non si alza-
rono le statue , non si arse l’incenso, non
si appiccarono i voti a un tal uorao ? A1
contrario , io risposi , la ricompensa , che
egli ebbe , fu la stessa, che , per avere di-
scoperto un nuovo mondo , avea avuto al-
cun tempo innanzi il Colombo : accuse , pro-
cesso , e carcere . Nè altrimenti succede a
coloro , i quali a fil di ragione pigliano a
conrbattere le opinioni radicate nelle men-
ti degli uomini , e colla verità alla mano
fannosi ad atterrare gl’idoli della prevenzio-
ne . Le discoperte del Galilei contraddice-
vano a quanto insegnavano i maestri di al-
lora stxlla struttura del corpo umano, e sul-
la fabbrica singolarmente de’ cieli ; andava-
no per diritto a ferire quanto sulla paro-
la di Aristotele credevasi a quei tempi nel-
la filosofia essere più solenne , e più sacro.
Ed ecco quanto bastô, perchè egli fosse con-
trariato da ogni parte, perseguitato, con-
dannato , tenuto reo . Oltre di che le nuo-
ve scoperte si disprezzavano , perchè nuo-
ve ; gli errori, che messo aveano, dirô co-
si, tanti secoli di barba , si sostenevano ,
come le verità le meglio dimostrate : tanto

e ve-
loading ...