Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 2) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-2]

Seite: 88
DOI Seite: 10.11588/diglit.28021#0096
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd2/0096
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
88 D i A t ò 'g o

renti contrârie saran desse , che ne porte^
ranno le comete a ritroso , e per un verso
contrario a quello de'pianeti. L’amore, io
risposi, che avete posto nel vostro Garte-
sio , vi rende più ingegnosa che mai . E
ben voi, Madama, cercate ogni via, come
fanno i veri amanti ; e vi atterreste ad Ogni
ragione , per non dipartirvi da lui . Se i
pianeti non facessero altro che girare , a
danzare a tondo, non ci saria che dire. II
male si è , che il fanno con certe partico-
larità, con certe tali leggi, le quali non ci
è verso, per quanti tentativi sieno stati fat-
ti, di aggiustarle con quello, che vorrehbe
la propria natura, e l’indole del vortice; e
guastano ogni cosa . E quanto al vostro si-
stema delle comete , ben puô ne’fiumi ve-
nirsi formando alcuna corrente contraria al
filo dell’acqua) per la più o meno profon-
dità del letto del fiume , per la varia posi-
zione delle sue rive, o che so io . Ma si«
miii cause , come trovarle nel lihero -cOrso
di un vortice nell’ampiezza del cielo ? sen-
za che qualche particolar corrente , che si
yenisse anche formando, sarebbe assai pre-
stamente vinta dalla corrente generaie , ©

quiyi
loading ...