Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 2) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-2]

Seite: 148
DOI Seite: 10.11588/diglit.28021#0156
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd2/0156
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
D I A L O G O

Q U A R T O

jyfel cjuale si continua ad esporre il sistema

di ottica dcl Neutono.
a seguente giornata trovavasi ancora lon-

^ tano dal meriggio il sole, quando si
levô la Marchesa : e senza darsi gran pen-
siero di quello , che la mattina suol esse-
re lo studio delle donne , mi mandô di-
cendo, come era del piacer suo , che il
più presto , che per me si potesse , io mi
rendessi nelle sue stanze . Io mi vi rendei
senza indugio ; ed ella tosto che mi vide,
si fece a dire cosi : Vedete bel frutto che
io colgo di cotesta vostra hlosofia . Buona
parte della notte ella mi ha tenuta desta,
facendomi or 1’ una sponda cercare del let-
to ed or l’altra : e quando fmalmente vin-
ta dal sonno mi addormentai, immagini
colorate , prismi , e lenti, null’ altro che
quelle sperienze, che mi avete descritte
jeri, andayami per la fantasia . Madama,
iorisposi, guardate il bell’onore voi mi fa-»

reste
loading ...