Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 2) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-2]

Seite: 159
DOI Seite: 10.11588/diglit.28021#0167
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd2/0167
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Quarto. i5g

tal fontana la chiameremo la fontana dell’
ottica. Perchè non farle onore , io sog-
giunsi, di un bel nome greco e chiamar-
la Leucocrene, che signifìca sontana del
bianco, come Ippocrene, fontana di quel
cayallo, che d’ Elicona fece scaturir quel-
le acque, delle quali tanti hanno sete, e
a pochissimi è dato di berne ? Cosi la chia-
ineremo, disse la Marchesa : ed io avrò
nel giardino le prove del sistema del Neu-
tono ; come neìla galleria ho le obbiezioni
eontro al sistema del Cartesio ,

Intanto , io seguitai a dire, rientrar po-
tremo , se vi piace , nella stanza buja ; che
vi vo’ far vedere una assai vaga cosa, che
mi era fuggita di mente. Tornate col pen-
siero , Madama, a quella esperienza, in cui
dopo il prisma è collocata una lente , ed
essa raccoglie i raggi colorati in un bian-
co cerchietto . Già a voi non è fuggito di
mente , che qualora l’uno o l’altro de’rag-
gi veniva alla lente intercetto , il cerchiet-
to non appariva più bianco : Ma se altri
tirava in su e in giù yicino alla lente un
ordigno fatto a guisa di pettine , e forte
spesseggiava, sicchè i raggi colorati per via

de’ denti
loading ...